Cartiera Vita-Mayer – La storia

1608-1869
1608-1869
Il mulino della Folla

Le fonti più antiche del 1608 testimoniano la presenza di mulini nella Valle Olona, di cui uno dedicato alla follatura degli stracci. Nel registro catastale del 1750 quest’ultimo figura sotto la proprietà del conte Pusterla e risulta già in parte dedicato alla lavorazione della carta. È qui che nel XIX secolo ha inizio lo sviluppo della cartiera nella sua forma preindustriale.

1869-1906
1869-1906
Nascita della società Vita Mayer & co

Nella seconda metà del XIX secolo la folla diventa proprietà Cerimodo, poi Canziani. Nel 1897 la famiglia Vita ne acquisisce la gestione e nasce la “Cartiera Enrico Vita & Co”. Enrico effettua un ampliamento dell’impianto e una sistemazione delle prese d’acqua sull’Olona, modificando radicalmente gli edifici sia dal punto di vista funzionale che sociale. Dopo la sua morte, nel 1900, la società prende il nome di “Fratelli Vita”, con sede a Milano. Nel 1904 Matilde Vita sposa Sally Mayer, il quale, due anni dopo, fonda la “Vita Mayer & Co” assieme al cognato Vittorio.

1906-1916
1906-1916
La ferrovia della Valmorea

La Vita Mayer diventa interamente proprietaria degli stabilimenti Canziani. Nasce la linea ferroviaria della Valmorea, per ridurre i tempi di trasporto delle merci tra il Ticino e il Varesotto. Il tratto Cairate-Valmorea è attivato nel 1916, in concomitanza con l’avvento della Prima Guerra Mondiale. Pochi anni dopo viene aperto il tratto sud fino a Castellanza e nel 1926 la linea diventa internazionale, giungendo fino a Stabio, in Svizzera.

1916-1939
1916 – 1939
Espansione e produzione della cellulosa

Dopo la Prima Guerra Mondiale la cartiera subisce un processo di espansione e di incremento della produzione, tanto che, nel 1937, è avviata la realizzazione degli stabili per la produzione della cellulosa, in precedenza trasportata da stabilimenti esterni attraverso la neonata ferrovia.

1939-1949
1939 – 1949
II guerra mondiale e sequestro

La guerra causa un periodo di inattività forzato e le famiglie proprietarie Vita e Mayer, di origine ebraica, vengono allontanate in Svizzera. Il patrimonio tecnologico sopravvive però intatto agli eventi bellici e la ripresa della produzione è immediata. Negli anni ‘40 e ‘50 la cartiera vede il suo maggiore splendore ed i nuovi edifici realizzati a supporto degli esistenti saturano quasi totalmente il suolo disponibile nella stretta Valle tra Cairate e Lonate Ceppino.

1949-1969
1949-1969
La massima espansione: nasce la VI.MA.

Alla morte di Sally, il figlio Astorre Mayer diviene proprietario. Con l’avvento dei consumi di massa egli è artefice di un cambiamento strategico verso il mercato dell’usa e getta. La sua scelta risulta vincente e la domanda aumenta, rendendo necessaria la realizzazione di un nuovo polo produttivo. Poco lontano, nasce la VI.MA. All’inizio degli anni ‘60 la produzione annua della Cartiera Vita-Mayer ammonta a 80.000 tonnellate di carta, con 2500 dipendenti.

1969-1977
1969-1977
Declino, fallimento e dismissione

Negli anni ‘70 l’azienda subisce un rapido declino dovuto a fattori quali la concorrenza internazionale, la carenza di legname, le incertezze politiche e sociali del momento. Nonostante il sostegno dei sindacati e i finanziamenti statali, l’azienda viene danneggiata da due esondazioni consecutive dell’Olona e dichiara il fallimento nel 1977.

1977-2010
1977-2010
L’archeologia industriale

Dopo il fallimento, il complesso viene acquistato da Sogeiva (ora Prealpi Servizi) all’asta fallimentare del 1989. A partire dagli anni ’90 si susseguono varie progettazioni volte alla riqualificazione dell’area, ma nessuna di queste ha esito positivo. Dal 2010 hanno inizio gli interventi di parziale demolizione e bonifica dell’ex-cartiera.

Cartiera Vita-Mayer – Galleria immagini storiche

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

WordPress Video Lightbox Plugin